LOGO-2016

Founder

Arch. Filippo Chiesa Ricotti

 

 

"Creativamente concreti, concretamente creativi​!"

 

Cookies policy

Privacy policy

Studio

Via Paolo Diacono, 6

20133 MILANO - Italia 

architetti@gruppotre.it
studio@pec.gruppotre.it


TEL +39 02 36519356 
FAX +39 02 36519357

​BLOG

Collaborazioni

Se vuoi collaborare con Gruppo Tre, invia un unico file PDF di max 5MB con il tuo CV ed alcuni esempi di tuoi progetti a architetti@gruppotre.it


facebook
twitter
linkedin
instagram
houzzlogog
homify
08/10/2013, 12:53

lorem ipsum



Cinque-idee-per-separare-la-sala-da-pranzo-dal-salotto
Cinque-idee-per-separare-la-sala-da-pranzo-dal-salotto
Cinque-idee-per-separare-la-sala-da-pranzo-dal-salotto


 Dalle meno invasive a quelle che richiedono l’intervento di un architetto: cinque idee per dividere la zona giorno



1. Punta tutto sui colori
Il primo intervento che si potrebbe fare per separare, solo visivamente ma in maniera netta, sala da pranzo e salotto ricavati in un open space è giocare con i colori. Si potrebbe, infatti, associare un colore ad una zona e uno all’altra, optando per arredi e accessori che richiamino, i vari colori delle zone. In questo modo si identificherebbero zona pranzo e zona living e, al tempo stesso, si potrebbe dare un tocco di vivacità e personalità all’ambiente.  Guarda il nostro progetto RG HOUSE, nelle foto vedrai messo in pratica questo consiglio!


2. Dividi con librerie o arredo
Volendo mantenersi sempre nell’ambito delle soluzioni non "strutturali" e, quindi, meno invasive, si potrebbero dividere i due ambienti con una libreria freestading, con un un mobile che crei una parziale separazione tra le zone in questione.  Il mondo del design offre infinite possibilità in questo senso, che vanno dalla parete attrezzata alla libreria, dai mobili bassi a quelli a tutt’altezza.  Con i mobili, le librerie e i paraventi, inoltre, si potrebbe giocare ancora una volta con i colori, abbinandosi all’uno o all’altro ambiente e personalizzando l’arredo.


3. Una bella vetrata!
Anche ricorrendo al vetro, facendo realizzare su misura delle grandi vetrate che dal pavimento arrivano fino al soffitto, si possono dividere fisicamente salotto e sala da pranzo pur continuando a fare in modo che i due ambienti comunichino visivamente tra di loro. Le vetrate, a differenza delle proposte precedenti, rappresentano una soluzione sicuramente più importante, anche dal punto di vista economico, ma costituiscono un giusto compromesso tra una parete divisoria vera e propria e un gioco di illusioni ottiche. Hai visto il nostro progetto BIANCONIGLIO?


4. Dividiamo con il pavimento
Se ci si trova ancora in fase di progettazione, si può procedere alla definizione preventiva di salotto e sala da pranzo, scegliendo e applicando due pavimentazioni diverse per le diverse aree. In questo modo gli ambienti saranno evidentemente separati, ma la divisione, ancora una volta, non sarà fisica.  La stanza resterà un open space, ma le due aree saranno facilmente identificabili grazie a "tappeti" di pavimento. 


5. Dividiamo con un muro
Se si vuole separare in maniera netta e decisa salotto e sala da pranzo senza ricorrere a interventi troppo invasivi, si può optare per divisori in muratura o cartongesso, anche a mezza altezza.  La possibilità di modellare il materiale secondo diverse forme e dimensioni apre le porte a tante opzioni di personalizzazione. 



1
Create a website